Author: The Lady In Tweed

leah-cultice:

He Cong at Dior Fall 2019 Couture

black-is-no-colour:

ELLE Russia August 2011, Editorial “Eternal Values”. Total look Christian Dior by John Galliano, Ready-to-wear Fall 2011 collection.

Photographer David Bellemere, Model Yulia Terentieva, styled by Daria Anichkina

lacetulle:

Christian Dior | Fall/Winter 2019 Couture

scribe4haxan:

The Crypt of Canterbury Cathedral (19th century) – Samuel Prout

loumargi:

CARL VON BLAAS 1875

immaginaria:

Gian Lorenzo Bernini, Il Ratto di Proserpina, 1621 1622
(marmo di Carrara, altezza 255cm senza base), Galleria Borghese, Roma
Capolavoro fondamentale per la nascita di quella che sarà chiamato Barocco. È una grandiosa celebrazione del movimento, del gesto e del corpo. Qui come in tutta l’opera di Gian Lorenzo Bernini l’intenzione è quella di convolgere ed emozionare lo spettatore. La scena è quella del Ratto di Proserpina, dal Libro V delle Metamorfosi di Ovidio. È rappresentato il momento culminante del racconto, quello più concitato e violento: l’istante del rapimento. Plutone, fiero, possente e muscoloso, ha afferrato la bella ragazza che cerca di scappare e di divincolarsi dalla presa stretta del dio degli inferi. Proserpina è colta con la bocca spalancata nel momento in cui urla e chiede aiuto alla madre ed alle compagne. Al suo terrore e allo sconforto per il fatto che nessuno la potrà aiutare, non si può dare una forma più convincente. La mano che affonda nella coscia, poi, con le dita che esercitano la loro pressione sulla carne della giovane, è uno dei dettagli più famosi e celebrati di tutta la storia dell’arte.

theladyintweed:

Kedleston Hall

Photo by me 

sadnessdollart:

Portrait de Mademoiselle Denouille, Detail.

by Léon Bonnat

cair–paravel:

Fabergé’s Standart Yacht egg, 1909. It contains a golden replica of the imperial Standart yacht, once the largest yacht in the world.

centuriespast:

Gawen Goodman of Ruthin (1562–1604)
British School
National Museum Wales, National Museum Cardiff